MATTARELLA: " EUROPA, MUOVITI SUBITO " | LA FINE DELL' EUROPA

Non mi piace il Giornale e neppure il suo direttore, ma questa prima pagina mi ha incuriosito subito, e rispetta la verità cruda e pura, anche perché gli italiani sono ormai stanchi, esausti, e che sacrifici devono fare ulteriormente  per essere considerati, indubbiamente che la ribellione è vicina ma sembra che nessuno se ne accorga, o si faccia finta di niente per una semplice superficialità che gli giova al momento attuale. 
Passano i giorni, e passeranno pure i mesi nella consapevolezza che la battaglia della pandemia la dobbiamo combattere Noi,  si, perché l' Europa si è ingarbugliata così tanto da non sapere cosa fare per l' Italia martoriata, e dove l'aiutino per il Bel Paese è ben lontano dalle nostre aspettative da compromettere tutto. (Almeno da questo punto di vista sappiamo con certezza che L' Europa
 non esiste più come la conoscevamo fin dagli inizi, e si sta scretolandosi sotto i nostri occhi, il che si può solo  augurare che in definitiva è meglio che muoia invece di vederla agonizzante da farci sta male pure a Noi.  Siamo quindi arrivati al nocciolo della questione, imprese e famiglie abbandonate nel loro misero destino e dove nelle tasche di loro già vuote di sue non arrivano neppure un euro da poter stare un po' rilassati e tranquilli. 
Naturalmente il Covid-19 non ci ha fuso la testa solo Noialtri, ma pure di quell' Europa che tentenna ma non cade mai, e nel fare questo, bene o male è sempre sul palcoscenico più alto a darci delle dritte a dir poco sfavorevoli alle nostre tasche e anche nei nostri cervelli,  e il Richiamo di Mattarella ,(Presidente della Repubblica) può far ben poco sull' enorme e mostruoso ingranaggio diabolico di un' Europa che non intende retrocedere, ma anzi fra i burocrati emergenti la presa si stringe soprattutto su il Bel Paese come se in realtà ce l' ha avessero con il popolo italiano per ovvie ragioni che tra comicità, vignette umoristiche, sorrisini a non finire, che L' Italia è sempre stata bersaglio di tutti ,semplicemente se si rideva a crepapelle, come se fosse un simbolo di un' umorismo facile da edichettare e appiccicare sullo Stivale Italia. L' Europa ha smesso di credere sull' Italia, (che siamo tanto ciechi nel non vederlo e di constatarlo giorno per giorno, che non contiamo niente!)  La cosa inquieta, irrita,  ma d'altronde se è successo tutto questo la colpa è pure della politica che gli ha dato carta bianca, quel filo per farci muovere a loro piacimento, ha insultarci ogni qualvolta lo ritenessero necessario, e più che insulti sono stati le burla, i vignettisti coi loro umorismo che colpivano e con quelle frecciatine per dire  :"che comici sono gli italiani, e da questo hanno riso così tanto che ancora non hanno finito" ecco gli aspetti che l' Europa agisce, e ride dietro le spalle nostre, e come potremo aspettarci da loro quell' aiuto del quale abbiamo tanto bisogno ! Si ce la dobbiamo cavarcela da soli, anche perché non potremo essere schiavi per sempre di un' Europa che ci deride, che ci mette i paletti sul nostro cammino, e tutto quell' insieme che ci fa ritornare nel medioevo o quasi, dalle briciole che ci danno, e Noi invece gli facciamo mangiare bene fin troppo, se si pensa che ci costa una fortuna rimanere attaccati all' Europa che non fa niente.  
Intanto il PIL giù del 6,5% , e da questo ci si  dovrebbe interrogare il perché  ?  Dove il tracollo economico è alla porta che bussa di già per entrare e fare il suo corso che non potrà essere una passeggiata in definitiva. La salita è irta, e il Coronavirus ci può aver dato il colpo di grazia, ma pure riesaminando la faccenda ora sapremo veramente che cosa è stato salire sul quel treno per portarci a Bruxelles e di quando siamo scesi i guai sono iniziati  subito, almeno ora non ci sono equivoci che si è  sbagliato tutto , o ci sono ancora dubbi al tal proposito !

Commenti

Post più popolari