CI SONO ANCORA QUELLI CHE ESALTANO HITLER | UN NAZISMO CHE NON MUORE MAI !

Sembra che i conti col nazismo non siano mai stati chiusi, dilaga su Twitter e su Facebook, opinioni, punti di vista, affermazioni fuori di testa che hanno il filo conduttore di fare vedere la foto di Hitler ed esaltandolo a tal punto da prendere esempio in questa vita attuale, come sbocco per un cambiamento, e che senz'altro non porta a niente se non si possiede le idee ben chiare di quello che si vuole ottenere. La storia ci insegna che la divulgazione del Nazismo in quel periodo del 40'-4 5' è stata costellata di morti, stragi, di violenze inaudite, ed è bene che la si legga sui libri di storia, sui documenti dell' epoca ancora in circolazione, ma non si deve andare oltre e fare della propaganda e lo stile di vita dei nostri giorni, (come se il nazismo fosse il toccasana per rimediare gli sbagli della politica, di noi stessi in scelte accelerare e più delle volte sbagliate, e da tutto  questo correggere e insegnare, impartire ordini non sempre efficaci se si pensa che a darle sono coloro che non hanno niente da perdere, ma neppure da insegnare, e di quella svastica che è stata la loro rovina ). D'altronde nel fare nascere quel nazismo é  stato un pazzo, e gli altri attorno a quel capo pazzo lo anno assecondato in tutto e per tutto, risultando più pazzi e incoscienti di quanto si possa immaginare , e non è la guerra che può fare tutto questo come scusante per i massacri e deportazioni di ebrei, e non ebrei, ma semplicemente per terrorizzare gli abitanti e tenerli al guinzaglio fino alla tortura  e la morte definitiva. Menti folli, irraggiungibili e privi di valore chi sostiene di mettere in giro nel commercio mediatico figurine del nazismo con la faccia di Hitler e tutto il resto , come se si trattasse di presentare al grande pubblico le figurine dei calciatori, di atleti famosi, fino sui Santi che la Chiesa usa, scordandosi in definitiva che gli effetti non saranno gli stessi e si ritorceranno contro di essi e del quale gli hanno messi in circolazione .
È  necessario chiudere la questione "nazismo" -"fascismo" una volta per tutte, e non lo si fa nelle aule del tribunale, neppure colpendo i responsabili con licenziamenti e punizioni esemplari, ma occorre più fermezza e pugno duro e nello scordarsi di quei tempi e del disastro che è stato  compiuto, guardare in avanti anche per dare un futuro sui nostri figli , e di quei matti e menti folli che ancora esaltano il Nazismo lasciamoli cuocere nel loro brodo a fuoco lento, tanto saranno proprio loro ad autodistruggersi alla prima occasione, senza sforsi e dure lotte degli altri. La meglio cosa non ascoltarli, perché non ci stanno con la testa, o riapriamo di nuovo i manicomi per metterli dentro e la faccenda è finita qui. 







Commenti