UN' ITALIA CHE PROTESTA , MA INTANTO I GIORNALI FANNO ABBUIARE LE MANIFESTAZIONI !


Non gli vanno proprio giù, le hanno sul gozzo, li rimangono indigesti, quei giornali che vedano protestare e manifestare il popolo italiano, dandoli il colpo di grazia che l' informazione diventa aggressiva con chi scende in piazza. In poche parole i giornali e i loro servi che devono sottostare al loro volere, mettono pure in discussione i pensieri e i desideri degli italiani, facendo così fanno terra bruciata di quello che il Popolo realmente vuole e lo desidera a tal punto che si mette in gioco, l' unica forma civile e democratica che gli è rimasta, basta che quel gioco non degeneri e che spruzzi violenza. "E come se i giornali e i giornalisti da strapazzo si rivolgessero agli Italiani dicendo a loro : non alzate la testa, perché siamo pronti a farvela abbassare subito, noi abbiamo il potere di farlo, e lo faremo se necessario! " E sarà molto facile per i giornalisti buttare quella scelleratezza,  fango, su qualsiasi manifestazione e protesta ,riducendo di molto il numero di presenze scese in piazza, fino a farla passare una manifestazione di quattro gatti, e invece nella realtà si può parlare di migliaia di individui, poi l' articolo che scriveranno sarà al vetriolo, al veleno per chi legge e l' informazione che verrà fuori si potrà riassumere come se si parlasse di detenuti che scappando dal carcere nel loro cammino per la fuga farebbero una strage di innocenti. L' informazione non ha limiti, perché il Popolo deve stare buono e a cuccia, come i cani. MAGARI PRIMA DI SCENDERE IN PIAZZA DOVREMO AVERE IL CONSENSO DELLA PREFETTURA, MA PURE DEI GIORNALI  ? E che i giornali vogliono il monopolio, l' esclusiva, per dipingere chi scende in piazza con un po' più di colore e di quello che non sta capitando fino ad oggi, e con i gilet arancioni siamo alla riprova ,vedano tutto nero !. Che i giornali remano contro di Noi è un dato di fatto, e che l' informazione sia taroccata, manipolata, comandata dai poteri forti lo è ancora di più, e nel dire : " fidarsi è bene non fidarsi è meglio " che concludo questo mio post, nella consapevolezza che prima o poi ci sia quel loro rimorso di coscenza prima che si annientano.                                                                                                                                             

Commenti

Post più popolari