NEL LABIRINTO DELLA POLITICA DOVE NON SI TROVA VIA D' USCITA.."ASPETTANDO IL DOPO ELEZIONI "

Una campagna elettorale in segna del monologo, dove si è perso quel qualcosa che nei tempi remoti faceva da appiglio e orgoglio tra i partiti, oggi sembra tutto un po' strano da non sembrare vero, dove i problemi esistono ma non si trova il modo di riuscire a risolverli e annientarli. Una politica ferma in un labirinto dove non si trova la strada per uscire e neppure l' ingegniosita' e le varie iniziative non avranno sbocco  se non ci si impegna di più e dove i politici sono ormai fermi. Più delle volte è come se aspettassero la manna dal cielo, un Salvatore che gli possa guidare e nell' attesa intanto l' Italia va a rotoli e i problemi si accumulano sempre di più da non sapere più che pesci pigliare.. "eppure la politica dovrebbe rappresentarci essere forte e scappare dalle situazioni difficoltose senza nessun problema, dandoci una rassicurazione per un futuro imminente e stringerci la mano in segno di non aver paura! " Ma la paura indubbiamente appartiene ai politici dove tra chi dichiara un programma tutto all' insegna del dubbio dove non verrà mai alla luce, e chi tra razzismo, fascismo, immigrati ,si tiene ben lontano nell' esprimere la propria opinione e se lo si fa si dicano balle a non finire, anche per dire di esserci nel tentativo di prendere i voti in queste elezioni politiche senza perciò uscire dal labirinto. La politica cosa è diventata se le parole non seguono i fatti, se tutto sembra preconfezionato, studiato a tavolino ma poi nella realtà come nella quotidianità  non sono sufficienti e occorrono altre misure drastiche per far sì che funzionano a dovere e rispettino i Nostri desideri. La politica se vuole andare avanti  col Nostro consenso di voti e di congratulazioni deve farsi un esame di coscenza e decidere con chi stare e scegliere l' arma adeguata per combattere sia i problemi che ci sono ma pure quelli che verranno ,"perche' vedere lontano significa uscire dal labirinto e trovare la strada giusta " tutto se lo si vuole e lo si desidera più di ogni altra cosa!. Una politica di monologhi, di farse promesse, di apparire sui salotti televisivi, di provvigioni e stipendi da favola, di facce che non cambiano mai, di corruzione e gli impresentabili, non ne abbiamo bisogno per fare crescere questa Italia  e andare più lontano possibile. Ma forse tutte cose dette e ridette e in qualche modo Noi cittadini le capiamo e vorremmo cambiare... ma il bello è  che  i politici si ostinano a non ascoltarle e vanno diretti per la propria strada anche se prima o poi inciamperanno e si faranno molto male e nell' attesa aspettiamo che succeda proprio questo almeno per vedere cosa diranno dopo!

Commenti