Passa ai contenuti principali

MA SIAMO VERAMENTE FELICI... O FINGIAMO DI ESSERLO?

La felicità quella cosa magica dove in qualche modo la teniamo stretta, ma sempre non corrisponde ai nostri bisogni quotidiani dandoci del filo da torcere e preoccupazione. E la domanda è d' obbligo nell' interrogarsi e dire questo:" Ma sono felice o fingo di esserlo? " Forse non si è mai pensato di una risposta così facile ma allo stesso tempo difficile, da domandarsi il perché ci si è messo così  tanto nell' esprimerla  e si tenta sempre di sorvolare sull' argomento. Non dobbiamo andare troppo lontano e guardare al futuro, ma del presente e fermarci per quello che siamo senza rancori di quello che non si è fatto ma lo si poteva fare, quella abbondanza, ricchezza, prosperità  interiore che dopo tutto non ci mollerà mai e per farlo dobbiamo guardare all' oggi che invece all'indomani e i giorni successivi. Se si potesse misurare la felicità come si misura la febbre con un termometro avremo risolto il problema dove ognuno potrà vedere un aspetto della propria vita da consolarlo e anche ulteriormente da appagarlo per gli sforzi fatti.... perche' la felicità è la base di un popolo e da questi scaturisce le emozioni positive di tutto quello che viene fatto sia dallo Stato e sia nel Sociale che ne tengano conto. La felicità è nelle piccole cose che parecchie volte non vediamo ad esempio :" un nuovo lavoro che ci piace, un'abbraccio dal compagno o dal marito, il figlio che ha preso ottimi voti a scuola, una casa tutta nostra, ecc, ecc.. " ma tutto questo non li si dà una rilevanza se non stiamo bene con noi stessi e sia il nervosismo e lo stress della vita quotidiana e sia per altri fattori che ci si scorda rapidamente di questi piccoli episodi di felicità. Indubbiamente c' è chi vorrebbe sempre di più e fare della felicità un parco giochi dal quale trattenersi il più a lungo possibile e guai se si sciupa tutto questo! "Pensando che la ricchezza e il potere giochi un punto decisivo sulla propria vita e sul mondo ".                                                                                                                                                                                                                              La cosa che mi rende felice al sottoscritto :" quella di vedere un senza tetto o fissa dimora sorridere alla vita,  un anziano raccontare le sue proprie storie di guerra e di orrori ma che oggi sorride ed è presente fra noi, una donna che allatta il proprio pargoletto, una donna incinta, e potrei continuare all' infinito.. " La felicità è più che altro vedere felici gli altri, quegli altri meno fortunati di Noi ,dove meritano rispetto e comprensione.  Sorridere sempre alle avversità della vita stessa far sì che siamo veramente felici, perche' quelli che non sorridono mai e sembra che  hanno sempre il morto in casa... di certo non sono felici e rendono infelici tutti gli altri... "e ditemi che non è vero! "./

Commenti

POST PIU' VISUALIZZATI ULTIMI 30 GIORNI..

FACEBOOK, TWITTER, AMAZON, GOOGLE, E TANTI ALTRI.. "LA NOSTRA VITA NON CHIEDE ALTRO "

È inutile negarlo ormai siamo in balia e affascinati sia da Facebook, e di Twitter,come di Google , ma pure di Amazon e di tanti altri nel web... (colossi dell' informazione, intrattenimento, svaghi, aziende che in qualche modo ci allietano la vita e
  dove ci fanno sorridere e ci uniscono reciprocamente come di amicizia ; ma in cambio vogliono sempre qualcosa da chi le usa, nel rimanere sempre all' oscuro di questo) .Il loro punto forza è di prendere sempre e incrementare sia la notorietà e sia il guadagno e come lo fanno sì possono avere solo supposizioni, ma alla fine dei conti anche se tutto risulta gratis, i nostri dati e altre informazioni saranno in pericolo. Questo è il business della tecnologia che tutti noi usiamo e forse increduli non approfondiamo più del necessario;perche' nessuno ti regala niente e quel "gratuito"-"non paghi niente " sempre si ritorce su i consumatori e sulla tecnologia a portata di mano appetitosa .                      …

E SERGIO MATTARELLA DEVE SUDARE SETTE CAMICE PER FORMARE UN GOVERNO ...

Ancora niente governo, la decisione ancora una volta spetta a Mattarella...
Formare il governo è diventato per Mattarella un' impresa ardua, e dare modo di alleviare le sofferenze, e i disguidi che ci sono sui partiti e che non cessano da vedere uno sbocco , risulta fondamentale . Eppure quanto ne avremo bisogno di un governo stabile e responsabile della situazione; come il pane per i nostri denti e che indubbiamente rafforzerebbe questa Italia. Ma se tutto questo è per noi un desiderio, non lo è per i partiti che fanno le bizze, e si studiano ma non arrivando a niente, tutto è fermo. Forse la politica si deve ricostruire, avere nuove vedute per affrontare il futuro che ci aspetta; o pure si rimane vecchi dentro, e la politica non potrà mai essere giovane ..(lasciando il passato burrascoso che ne è stato e che ci ha fatto arrivare fino quì barcollando, e dove la maggior parte dei problemi si devono ancora risolvere).

CHI POTRA' ESSERE IL NUOVO "PREMIER " DALLE LONTANE ELEZIONI DEL 4 MARZO !

Le consultazioni proseguono con Fico, per formare un governo.. (leggi l' articolo)
Ormai è  come essere entrati in un tunnel dove non si scorge una via d' uscita, interminabile e stressante che quasi ci manca l' aria nel non sapere che cosa ci aspetta e chi potrà diventare "quel Presidente del Consiglio " ripescato all' ultima ora ; dove avremo subito l' ossigeno in abbondanza e marciare per il futuro. Un "Premier " all' altezza della situazione e circostanza dove possa rimettere in sesto l' Italia.. e non è chiedere tanto!  Fico e gli altri prima di lui, hanno un bel daffare nel mettere insieme i pezzi di un puzzle che non torna mai e non si vede mai la figura e l' immagine in dettaglio per farci sperare e tirare un sospiro di sollievo. Che sia diventato tanto difficile tra i partiti ,dove le incomprensioni, litigi, i retromarcia, non si arrivi a dei compromessi e tutto per il bene dell'Italia ;non ci posso credere dove basterebb…

BENVENUTI NELLA SCUOLA DEL TERRORE E DOVE I PROFESSORI NE SONO LE VITTIME...

Un' altro caso dove l' alunno minaccia il professore...
Quegli alunni che minacciano, umiliano, schiaffeggiato i loro professori non sono degni di una scuola di oggi ,e dell' insegnamento che ne ricavano; andrebbero subito espulsi  e dati alla giustizia come esempio per tutti. La scuola non deve essere minacciosa, ne il bullismo ne deve fare parte, come altri fattori che influiscono alla non riuscita dell' insegnamento, e da quì c' è da chiedersi cosa realmente stia succedendo agli alunni  e i giovani in particolare?  Se la scuola sempre di più è diventata un campo di battaglia, dove le regole si infrangono facilmente tanto per essere superiori agli altri; e di una gioventù sempre più sciupata e in balia degli eventi e occasioni del momento , tutto questo non può avere senso. Fra l' altro già la scuola è fragile di suo se poi ci si mettono pure l' alunni con problematiche e le loro prepotenze a portata di mano non si fa altro che indebolire più la scuola, da…

LA VITA QUOTIDIANA QUANTO CI PESA ?

Tutto ruota sulla "vita quotidiana " da fare il buono e il cattivo tempo per ogniuno di Noi; le scelte che facciamo e sempre quella monotonia che non ci lascia mai! Come se la vita non cambiasse mai e intanto il tempo corre all' impazzata.                                                                                                                                                                                                                                                                                   Analizzare la "vita quotidiana " non risulta così semplice come ci si aspetterebbe.... perché può cambiare da persona a persona e le motivazioni non sono sempre uguali anche se grossomodo si ha un quadro ben completo.  È  di routine che una donna la mattina porti i figli a scuola, entrare nel posto di lavoro, e la sera al rientro deve accudire la casa con le faccende domestiche, dopo che ha pensato pure sui suoi figli; e il rilassamento zero!.  Insomma ha …

25-APRILE- FESTA DELLA LIBERAZIONE " RICORDANDO QUEL 1945"

Il 25 Aprile 1945 ,la guerra era finita ma c' è da ricordare quante vittime ci siano state nello sconfiggere sia il nazismo e il fascismo; di un' Italia allo sfascio  ed esausta di tanta crudeltà e spietata sui più deboli.  Insomma quella loro libertà l' hanno pagata col sangue.. Eroi di quei tempi per portare pace e rifare l' Italia più degna, e in qualche modo sono entrati nella storia e oggi le onoriamo con affetto e orgogliosi che ci abbiano dato tanto anche se sapevano quello che gli aspettava! E che tutto questo non si ripresenti dove la guerra è solo fonte di distruzione e morte..  Buon 25 Aprile...                                                                              

NON SOLO È FATTA DI MURATURA, MA È IL GUSCIO PROTETTIVO DOVE CI SI SENTE AL SICURO E FA GRANDE IL NOSTRO INVESTIMENTO...

"Casa mia, casa mia, pur piccina che tu sia mi sembri una badia... " Ad indicare seppur piccola e con i propri difetti, casa propria è sempre il luogo migliore dove ognuno vorrebbe stare.  È  il sogno un po' di tutti di avere una casa di proprietà, dopo i tanti sacrifici fatti e rilassarsi ammirando l' opera prorompente fino alla fine dei giorni e al trapasso;orgogliosi che possa rimanere nel tempo e che indubbiamente che vada all'eredità dei figli... da farne lo scopo della vita. Insomma la casa simbolo di continuità e speranze e senza di esso l' umano non sarebbe pienamente soddisfatto e dove la malinconia avrebbe sfogo,questo nel dimostrare che la casa sia piccola, o difettosa, malandata, ha sempre un valore e dove l' uomo trova il guscio protettivo dove poter essere al sicuro, come lo è sempre stato in passato, molto passato, e lo sarà sempre in futuro. Dentro la "casa" si lavora, si studia, si ricevono visite, si mangia, si dorme, ci si ril…