IL LAVORO E IL GOVERNO , METTIAMOLI SUL PIATTO DELLA BILANCIA !


L' italia si potrà salvare se punta tutto sul lavoro, creando nuovi posti di lavoro, e assicurare alle  aziende e imprenditori di non mollare mai, perché il governo è con loro in quel loro percorso tortuoso. Invece il Bel Paese crollerà e si farà molto male, e ci rimetteranno solo la popolazione se si accetta come ancora di salvezza  Il Recovery Fund ,  è un dato di fatto se lo si conosce bene. Nei secoli il lavoro è stato il pilastro di sopravvivenza, uomini  orgogliosi di lavorare e portare i soldi a casa, e mantenere la famiglia, il lavoro mobilita l'uomo e oggi pure la donna , rendendendoli più sicuri e felici di fare qualcosa di buono per l' intera società, nonostante in tanti ritengono che lo facciano per forza e soprattutto per lo stipendio mensilmente da portare a casa. Se il lavoro è ben retribuito, c'è un posto per tutti, nelle difficoltà lo Stato è ben presente, le tasse le pagherebbero tutti e sarebbero pure disposti ad aggiungere qualche ero di mancia per il servizio reso, e non ci sarebbero l' evasori e che in fin dei conti non hanno tutti i torti (Lo Stato non da niente a me, e io non do niente allo Stato)  può non piacere, ma è sempre usato nel dire :" Una mano lava l' altra e tutte e due lavano il viso " ed oggi è più fattibile che mai. A che cosa serve al governo una popolazione povera, disoccupata, allo sbando più totale, se da tutto questo non può neppure sottrarli un centesimo, perché il loro portafoglio è vuoto, oppure i risparmi d' una vita le si portano nei paradisi fiscali che saranno più al sicuro rispetto all' Italia,  è così tutto elementare  ! Ma il governo non ci arriva a ragionare decentemente, ed ecco il risultato che abbiamo sotto gli occhi di tutti ,(Evasione fiscale, e un governo odiato, e l' incapacità di vedere la realtà). Mettere sul piatto della bilancia tutto questo significa fare i conti con la cruda realtà, e che in certi aspetti ci impone di farci del male a chi non crede a tutto questo, e prospera nel sudiciume e nell' immondizia per ostacolare i più onesti, i più innocenti e puri di persone che vivono di lavoro e vorrebbero farlo per il resto della propria vita , che iella essere ostacolati ! .Insomma un governo cieco di fronte ai lavoratori e i loro bisogni, può servire solamente a rafforzare la convinzione di non andare tanto lontano, e di schiantarsi alla prima occasione, ma pure di fare : "come il cane che si morde la coda " che dopo la tragedia è spontaneo farci una risata tanto per allentare la tensione. La forza lavoro é una marcia in più, un' opportunità di far crescere l' economia e portarla alla ribalta e di essere lieti che cresca e prosperi, invece di aggrapparsi ogni volta all' Europa per dei prestiti che faranno solo peggiorare l' economia e da non sapere più dove battere la testa per i troppi debiti, e che sempre aggrapparsi all' Europa si diventa schiavi di essa. Ma come fare per convincere il governo che il loro silenzio equivale ad una tortura per i lavoratori  ?  La disoccupazione tra non molto avrà raggiunto un record che si guarderà con stupore e incredubilita', e quando gli Italiani non avranno più  niente da mangiare, e gli mancheranno le materie prime per riempirsi la pancia, allora il governo dovrà temere una ribellione, e a quel punto dovrà fare una retromarcia e cambiare sistema di approccio con la popolazione, e i lavoratori,  ma se il governo si fosse mosso molto prima della ribellione non sarebbe stato di conseguenza messo ai ferri corti, schiaffeggiato, e umiliato e perfino impossibilitato di uscire per paura di un linciaggio nel loro guscio protettivo  !.                                                                                                                                             

Commenti

Post più popolari