L' ESTINZIONE SI ABBATTE PURE SUI BLOGGER ?

Per "blogger "intendo quel creatore e curatore di un blog, sia di informazione e tanti altri ,sia di moda e di cucina che in qualche modo vediamo sul web e che nei tempi passati hanno fatto la loro fortuna. Oggi è molto più difficile avere consensi ed essere famosi, sia a livello di pubblicità e sia a livello di divulgare notizie e fatti da far notare una discesa che  non si era prevista. Sono rimasti pochi blogger che tengano duro, sia per compromessi, sia per una faccia conosciuta da tempo e difficile da togliersela dalla mente e poi la pubblicità fa tutto il resto per rimanere a galla più possibile. Vedo e constato sempre di più  che i "Blogger" danno molto affidamento alla pubblicità e di un guadagno assicurato, e che non si faccia per passione oppure per il bene degli altri e rimettendoci che appaga sempre con l' andar del tempo e da più felicità. Il 60% dei blog che si aprono poco dopo vengono abbandonati, chiusi, sia per mancanza di tempo, sia che non si arriverà mai nel guadagnarci, e infine non si trova il materiale o l' opinione da esprimere e pubblicare rendendo tutto uno scherzo alla fine. Risulta più facile scrivere poche righe su Facebook oppure su Twitter e tanti altri dimezzando tanto l' opinione da non sapere bene cosa si voglia dire con esattezza. Il "blogger"snobbato ed escluso dai comunicati stampa e di quei giornalisti che affermano questo :" sono troppo prepotenti, non veritieri ,meglio starli alla larga " mandando alla gogna gente comune che apre un sito per far valere la propria opinione, le idee, e commentare i fatti giornalieri (perché sono proprio quelle gente comune dove l' Italia ne è  piena e fra angoscie ,problemi, fatti, che  si snoda e anima il Paese ,e non sono di certo i giornalisti) .C' è  una forte crisi dei giornali, ma forse pure di tutti coloro che dal blog vorrebbero ottenere molto, dare voce con una protesta pacifica ma efficace, non trovandola non gli rimane che rassegnarsi alle circostanze, ingoiare il rospo e vedere più in là che aria tirerà!

Commenti