LA NOSTRA VITA È COSTELLATA DI DIVIETI, MOLTI DA ROMPICAPO !

Divieto di oltrepassare quella linea, divieto di entrare in quella stanza, divieto di parcheggiare in quel posto, divieto di fumare, di bere, di drogarsi, e perfino di respirare con l' inquinamento che c'è in città. Sono alcuni esempi dei divieti che costantemente siamo abituati a vedere, sperando che non ne vengano aggiunti altri, per informare e tenerci lontano dai pericoli e di una burocrazia bella e buona e insipida se la si guarda bene. 
Non mi meraviglio che da qui in avanti ci sia un divieto per ogni circostanza, per ogni scopo, per ogni evenienza sia di utilità oppure di facciata, ma che da il senso di una società che è vietato quasi tutto, con cartelli e con insegne che spiccano sia per luminosità e sia di immagine, che attirano subito gli occhi e fanno un po' arrabbiare. Non voglio neppure pensare in un Paese senza divieti ,dove ognuno può fare quello che vuole,  servono, se non nascessero degli altri come moda e nel riempire il paesaggio e le città come fossero degli alberi di Natale coi loro addobbi e luci,  ci si dimentica subito che il cittadino non è più libero e in qualche misura lo si controlla e lo si manipola.  
Dove un semplice divieto far fare delle cose che in realtà non vogliamo fare?  Ma che siamo obbligati nel farlo per non essere soggetti a contravvenzioni, e dati in pasto alla giustizia che non aspetta altro !  Mi da l' impressione che dopotutto se non ci fossero quei divieti, si vivrebbe male come nel Far-West, anche perché non ci siamo controllare,siamo allo sbaraglio più completo, ma guarda caso c'è sempre  qualcuno
che ci da dei sistemi di divieto, (e pensa a noi) dove è la base della vita stessa. Tutte le cose che fanno male, che nuociono, e la salute è la prima nel risentirla si devono eliminare, anche fumare all' aperto prima o poi ci sarà quel divieto, dando colpa all' inquinamento e  lo smog che la sigaretta potrà fare,incolpandola,  tralasciando le marmitte di automobili, le grandi navi, gli aerei, su questi nessuno per ora si è espresso, buio più totale , che fanno più danno della grandine, facciamo un bel cartello di divieto di non scorrazzare più in strada e neppure in cielo e come nel mare, tanto un divieto in più o in meno, di quelli che sono tanti e che abbiamo non cambia niente, ma quei tanti divieti ci assilleranno per sempre. 
Il divieto di accesso nelle proprietà private dimostra a che punto siamo arrivati, controlliamo il nostro territorio e lo difendiamo coi denti, un semplice cartello affisso per sentirci più sicuri e per non oltrepassare quella linea o saranno guai seri che ce  lo mettiamo,  un messaggio indiscutibile e da non avere delle perplessità per chi lo legge.  Ma se mettessimo pure vietato guardare (in procinto di realizzarsi) per fare gli affari nostri e lontano da occhi indiscreti, una genialata, una furbizia, un rompere un sistema per farlo un' altro,  chi lo sa ! Ma certamente niente è più facile che fare quel divieto personalizzato e che vuoi che gli altri non li seguono ,e per giunta che vadano a ruba  !





Commenti

Post più popolari