DI MAIO NON SARA' PIU' CAPO POLITICO DEL M5S , MA CHE VADA OLTRE !

Fine dell' era Di Maio  ? Forse la sua era era già compromessa fin da l' inizio, come capo politico del M5s , e di quel ragazzotto che non può aver dato il meglio di sé stesso, colpa di eventuali problemi creati o fatti creare appositamente perché barcollasse e cadesse nella trappola  ! Diciamoci la verità di "politica" era impreparato,  tutto poteva fare, e l' avrebbe fatto giustamente e con onore , ma fuori dal governo e dalle redini del M5s . Lascia la poltrona di capo politico del M5s se non cambia idea, (ma ormai è rimasto solo e che cosa può fare!  Se non rassegnarsi dell' idea che può aver fatto flop in tutti i fronti e un po' indietreggiare e farsi dapparte risulta essenziale).  Lo dovrebbe pure fare come ministro degli esteri, una carica troppo pesante da uno che non sa niente di "Esteri, Ambasciate", e di come si possa parlare e convincere i capi di Stato dell' Eurozona e fuori, per non essere presi da burattinai e calci in faccia. Insomma Di Maio ci rappresenta nel mondo e non passa giorno che gli altri capi esteri ci deridono e ci prendono in giro, non ci prendono seriamente e tutto possiede un contorno amaro e la bocca secca. Di Maio ,Beppe Grillo, Casaleggio, che cosa hanno in comune ! Ma certamente quello di voler in tutti i costi distruggere il movimento, sia pure per forze maggiori, e sia pure di non essere riusciti nell' essere unici e con l' andar del tempo sono diventati  come tutti i partiti, sono entrati dentro al sistema non accorgendosi di aver fatto uno sbaglio, e di aver dato troppo spago e voluto un Di Maio principiante allo sbaraglio. Nella politica tutto è permesso, non si può escludere niente se dietro le quinte si riservano interessi, tranelli, insidie, che il comune cittadino non può vedere e ne saperne di più da poter  fare la differenza. Il flop Di Maio è lo sbaglio del M5s ,che non si è visto realizzarsi e prosperare come doveva essere, tante chiacchiere e buoni propositi ma certamente non sono state mantenute per intero.  Di Maio se ne va e di certo non sentiremo la sua mancanza  ! Bisognerà vedere se si spinge oltre o si ferma qui, ma ormai la sua faccia è compromessa e non gli rimane altro che non interessarsi più di politica, se vuole quello di essere ricordato come all' attaccamento alla poltrona e al guadagno, oppure uscirne pulito e limpido e incamminarsi a fianco dei comuni cittadini che di politica possono vivere senza. 

Commenti

Post più popolari