Passa ai contenuti principali
.

E BEPPE GRILLO FARA' FUORI DI MAIO? "CAMBIARE STRATEGIA.. "

Forse il M5S sta perdendo i pezzi, e in questa maniera non governerà mai!  E indubbiamente Beppe Grillo lo può aver capito da un bel pezzo, ma aspettava forse l' occasione buona e dare ulteriormente l' ultima possibilità a Di Maio che in questi due mesi di consultazioni, di incontri con Mattarella ,non è riuscito neppure a formare una maggioranza e governare. Povero Di Maio con le prese di uno spirito libero come lo è Grillo, e delle vedute contrapposte e lontane ma che certamente  il fondatore del M5S non c' è da contraddirlo e in qualche maniera detta legge e regole che non sempre rispecchiano la volontà di chi partecipa dentro al movimento e ci crede. Il referendum sull' Euro che Beppe Grillo vuole fare è un segnale ulteriormente che vuole avere più consensi sulla popolazione, in modo che il governo sia sempre più vicino, allontanando lo spettro che oggi incombe con Di Maio nell' allontanarsi su quella poltrona del potere ulteriormente; e un freno ci deve essere! Sempre un Di Maio più debole, indifeso, schiaffeggiato sia dai media, e sia dai politici dove dovrebbe costruire una maggioranza; insomma è iniziata male la sua avventura e potrà finire ancora peggio... (di certo non possiede tutte le caratteristiche di Grillo, ma Grillo perché lo ha scelto? Od era tutta una messa in scena! Dopo averlo abbracciato, applaudito e perfino suo protettore fino a poco tempo fà)  Però una cosa è certa:"in questa maniera il M5S non governerà mai, e un po' di dietrofront, e ritornare alle origini sembra la cosa più sensata anche nel rivedere gli sbagli fatti in questi anni " Solo così si darà più luce sul movimento di quanto non è stato fino ad oggi : da due mesi dalle elezioni e ancora non c' è  spiraglio per un governo;e un capo espiatorio bisogna trovarlo!



Commenti

MARCOALLANTI.COM

MARCOALLANTI.COM
L' INFORMAZIONE DI TUTTI

POST PIU' VISUALIZZATI

SALVINI E DI MAIO , NON SI STANCANO MAI DI LITIGARE E INTANTO...

Sotto gli occhi abbiamo sempre quel teatrino dei litigi e incomprensioni fra Salvini e Di Maio ,come se tutto questo arricchisse un copione duro nel morire e dove ne viene fuori un quadro raccapricciante. Stanchi di vedere un governo ridotto sempre in una crisi permanente e dove i contrasti e le divergenze volano bassi fra i due contendenti da farla sembrare una bomba che può esplodere da un momento all'altro. Si può parlare di divorzio, di staccare la spina, tutte cose che possono venire a galla in preda alla rabbia, delusione,  ma subito dopo nulla succede e si ritorna sulle proprie file senza scomporsi non più di tanto, gli effetti di voler rimanere attaccati alla poltrona. Ebbene sarebbero quelli... (Salvini e Di Maio) che dovrebbero risolvere i problemi dell' Italia, e come poterlo fare se tutto il santissimo giorno litigano, fanno il muso, si tengono a distanza, divergenze comprese da dubitare del loro operato. Si, se sono stufi loro figuriamoci Noi ! Che da quel loro t…

PORTI CHIUSI "LA VOCE GROSSA DI MATTEO SALVINI E I MIGRANTI INDESIDERATI "

(Se L' Italia si spacca in due), e se da un lato l' ira di Salvini nel mantenere i porti chiusi per non avere quel flusso di migranti indesiderati e che fa felici molti italiani ,dall' altro lato abbiamo chi odia Salvini e inevitabilmente tenere i porti chiusi non può servire e alimenta tensioni e scaramucce. Le due opinioni che contrastano fortemente il destino dell' Italia e di quello che si può andare incontro se non si cambiano le idee e si va per una strada unica , e sia ben chiaro che non si può remare contro se non si ha un quadro ben preciso della situazione, e in questo tempo la situazione sembra sfuggirci di mano, riprendiamola...!  Non si può accettare che il nostro Paese sia il crocevia di tante persone, di tante razze e ideologie, e che ripetutamente le barche e navi sbarcano una folla, sia bisognose e affamate, ma che levano sostanze nutritive ed energie sugli Italiani che non hanno colpe se non quelle di vedere invase le loro città e di averne paura in …

QUELLA SICILIA ABBANDONATA, UN NORD E UN SUD SOTTO LA LENTE D' INGRANDIMENTO

Ormai è noto che  tra il Sud e il Nord d' Italia ci siano delle differenze enormi, e quello dell' economia e sopratutto sul lavoro se ne parla da anni, ma niente si fa, o almeno lo si fa così malamente che la Sicilia non la si aiuta per niente. I miliardi inviati da diversi governi in passato per infrastrutture, scuole e altri servizi non hanno mai visto la luce, o almeno non sono andati dai destinatari in questione , ma tra la mafia e altre cose sono scomparsi nel nulla e da non sapere che fine abbiano fatto quei miliardi, una truffa e una ruberia in grande stile. Ma quello che manca in Sicilia è il lavoro, (la disoccupazione dilaga fra i giovani) e mancano fabbriche, aziende, Imprese che investono sullo stivale (come lo è stato  e lo è tutt'oggi nel Nord e dove l' economia va bene),  insomma manca il coraggio degli imprenditori di investire e collocarsi in Sicilia, una terra difficile ma non impossibile da domare. Da tutta l' impressione che non appartenga all&#…

FERROVIA TORINO - LIONE, CONTE DICE DI SI ALLA TAV

Conte dice :" Che non farla costerebbe molto di più " contrastando le vedute dei "No Tav" e di tutti coloro che invece sono convinti che non costerebbe niente sul lato economico. Indubbiamente il Premier Conte pare che sia ben felice di quest' opera grandiosa, come lo è pure Salvini , non lo è affatto il M5s con un Di Maio e un Beppe Grillo incazzati al massimo e  d'altronde come darli torto. (Il tunnel della discordia, dove non si avevano le idee ben chiare fin dall' inizio della sua nascita, sfociando in discussioni e guerriglie ,ed oggi siamo di nuovo col nodo in gola fra un SI e un NO che divide non avendo risolto il problema definitivamente ). La Torino-Lione costo 8,6 miliardi di euro e dove il 40% è confinaziato dall' Unione Europea  ,mentre il 35% a carico dell' Italia  , e solo il 25% dalla Francia e questa percentuale la dice lunga!. Ma le cifre possono dire e non dire, se la corruzione e altri fattori si fanno strada su quest' op…

PAOLO BORSELLINO E TUTTO QUELLO CHE CHIEDEVA NELL' 84

Vengono fuori gli audio di Paolo Borsellino dell' 84 e non più segreti, (via il segreto da archivi della Commissione Antimafia,  e c' è  da chiedersi perché proprio in questo momento!). Un Borsellino che si lamenta di non avere un computer per lavorare, di avere la scorta con auto blindata solo di mattina, così la sera è più possibile essere ammazzati... lavororare anche 18 ore al giorno mentre per gli atri gli straordinari non le facevano ,sono queste cose che lo preoccupano  e lo dice chiaramente senza giri di parole alla Commissione ,ma ormai se sono passati anni il suo lavoro e immagine è sempre viva. Indubbiamente i magistrati del pool nell' 84  non se la passavano tanto bene, e di una Sicilia che comandava e forse pure troppo, dove la minaccia si annidava in ogni angolo e piazza e coi boss che padroneggiavano. Sentire la voce di Borsellino fa  effetto ricordando la fine che ha fatto, ma pure rallegra che è ancora tra di Noi e sembra parlarci come fosse un grande ami…

DEVE ESSERE DURA PER MATTEO SALVINI GOVERNARE, OPPURE NO !

Forte del 40% dei consensi degli italiani, Salvini non molla e va dritto per la propria strada, (sia da solo) dove i migranti sembrano la sua ossessione da farne una battaglia personale, e poi c' è da dire pure che il popolo italiano non ne può più dei clandestini, migranti, e di essere la pattumiera e il crocevia di poveracci e di gente senza scrupoli. Indubbiamente Salvini cerca di entrare nella testa della popolazione, e facendo questo i consensi saranno assicurati, perché prima di staccare la spina al governo cerca di accaparrarsi i consensi, fino nel farsi diventare "il salvatore dell' Italia " - "o semplicemente farsi ricordare come un uomo  che non chiede mai , tutto d' un pezzo,  ma lo sarà mai? " Se si gioca solamente per i porti chiusi, i migranti di non accoglierli, la voce grossa all' Europa, abbassare le tasse, riforma della giustizia , certamente che gli italiani lo applaudiranno e avrà lo scopo di non mollare. Salvini però cose dette…

L' ESTATE CALDA DEL GOVERNO, SCERVELLARSI CONVIENE ?

Non è questione di temperature alte, di afa, e di non respirare bene anche se siamo vicini e condizionati da tutto questo,  ma rompersi la testa intorno a una questione complessa, difficile e confusa sullo sviluppo di Matteo Salvini e del governo sempre più in bilico e dove non si vedono spiragli all' orizzonte da domandarsi veramente che senso abbia interrogarci ,e preoccuparci degli aggiornamenti costanti che abbiamo sotto gli occhi , e per puro caso Matteo Salvini è sempre in palcoscenico da far parlare di se più del dovuto.                                                                                                   Un' estate bollente, sia del clima e sia di politica e dove Matteo Salvini tiene duro, e fra chi lo vorrebbe farlo decadere e farlo scendere a ruzzoloni dal  podio ,si respira un' aria pesante ,incerta ,e dove il governo vive ora per ora, giorno per giorno, in attesa di nuovi sviluppi che non saranno mai quelli desiderati.  Se tutti sono contro Salvini …