Passa ai contenuti principali
.

I GIOVANI E IL 4 MARZO| UNA DATA DA RICORDARE!

 Dal Presidente Sergio Mattarella, alla classe politica tutti sentono il dovere di richiamare l'attenzione sui giovani e di votare in segno di una democrazia! Ma quale democrazia si tratta? Se i giovani sono i primi a rimetterci sia nel lavoro e sia nel sociale; e come potranno andare al seggio per esprimere una preferenza se gli altri sono i primi a farli cadere e non esporli più di troppo! Sono impauriti e non sanno più dove sbattere la testa e di certo non vorranno farsi più male votando quel ceto politico che non gli rispetti ; e fra i tanti sono diventati tutti uguali e hanno un'unica visuale: "escludere il giovane" . Se la politica fa dei giovani degli zombi, anche in società non scherza! Oggi trovare un lavoro è un miraggio,ma per chi ha la fortuna di trovarlo,deve fare i conti con un datore di lavoro sempre più duro, e approfittarsene sembra la cosa più sensata,un meccanismo che dopo il duro lavoro, viene la depressione e la voglia quasi di non esistere. Lo Stato non fa nulla per i giovani,e altrettanto faranno i giovani per lo Stato, (perché a casa mia 2+2=4  ma a casa dei politicanti forse non hanno bene in mente la matematica e la calcolatrice a portata di mano) È una cosa triste che succeda tutto questo,in questo paese di vecchi che ormai contano i minuti per lasciarci..e una rinnovazione e un futuro è incerto! Non ho niente contro i vecchi,dove è patrimonio di storia e cultura, ma contare più sui nuovi emergenti e sulla generazione che verrà è fondamentale..ma anche quella attuale fonte di ricchezza e spirito d'iniziativa se li si da l'occasione.Il 5 marzo si avrà un quadro più completo e come la penso io: "molti giovani nel disertare le urne,non avranno una rivincita ma ancora di più..e si farà in modo di pensare all'argomento intensamente sia dalla politica al sociale" Poi non ci stupisce che i giovani prima o poi ci facciano la guerra, o una lezione di vita da portarci nella retta via; perché senza esagerare l'abbiamo persa e da tanto!" Ma forse la cosa migliore è andarsene da quest' Italia, non a caso i migliori cervelli fanno le valigie..e anche quegli meno intelligenti un pensierino lo fanno e più delle volte cercano fortuna in altri paesi d'Europa o oltre. Ma che cosa ci rimane se una desolazione col passare del tempo e una ricchezza che sfuma fino all' impoverimento di quelli rimasti allo stremo,e non parlo di soldi,ma di idee fresche,di sviluppo,di tante opportunità smarrite come smarriti saranno i nostri sogni senza i giovani!. Forse i partiti prima di parlare di immigrati e della fine della razza bianca, come di tanti spropositi detti e continueranno ancora.. parliamo e concentriamo la forza che abbiamo sui giovani che se ne vanno e ci lasciano.. rischiando di essere sempre più un Italia di vecchi e di vecchie idee e ciò sarebbe il fallimento!La politica può dare molto basta volerlo senza più paroloni giganti e senza più esagerazioni tanto i giovani non sono cretini almeno quelli rimasti, gli altri gli dobbiamo vedere col binocolo dove si può scorgere la loro tranquillità e e la loro fortuna ...e che gli altri prima di farci pagare le conseguenze  le seguono!!



Commenti

POST PIU' VISUALIZZATI

VITTIME DELLA STRADA | UNA TRAGEDIA CHE COLPISCE I GIOVANI

Vittime della strada, guardiamo più in profondità...
La strada non è più sicura, i morti che si contano sono da rabbrividire, sia perché abbiamo sempre più auto potenti e sia pure la stanchezza di un viaggio troppo lungo, ma anche di aver bevuto troppo e dove le distrazioni risultano vitali. Pigiare sull' acceleratore, parlare al conducente quando non lo si dovrebbe fare, quell'occasione dove gli occhi non sono sulla strada ma sul cellulare intenti nel visualizzare l' ultimo messaggino, oppure guardare il paesaggio girandosi di qua e di là come veri turisti e intanto l' auto freccia a tutta velocità. "Non è tanto che la strada non sia più sicura, ma il fatto che non siamo più sicuri noi nella guida ,e se pure caso lo siamo quel privilegio lo paghiamo a caro prezzo ". L' auto è la nostra seconda casa e non ne potremo farne senza, e forse passiamo più ore dentro a quella scatoletta con ruote,  che all' interno della nostra lussuosa casa ,sia per lavoro e…

EVASIONE FISCALE , UN GOVERNO CHE NON RISOLVE IL PROBLEMA MA LO COMPLICA

Questo governo ormai fa guerra su tutto, e tra tasse di vario tipo, e di un evasione fiscale non più accettabile che cerca di incassare il più possibile per arricchire le casse dello Stato, e dove c'è ne un accurato bisogno da non poterne farne a meno. Facendo tutto questo e frettolosamente che si fanno delle ipotesi assurde, studiate a tavolino li per li  per incoraggiare nel versare il fisco come dovuto e con pene esemplari come le manette e la prigione all' occorrenza, dimenticandosi che ci sono un esercito di evasori e non si potranno rinchiuderli tutti, o si dovrà costruire altre prigioni,tribunali intasati, e agenti penitenziari molti di più,   e di un costo notevole da sopportare. Insomma per riprendersi quel poco di gruzzoletto del fisco, se ne spende il triplo , e il gioco non vale una candela , ecco perché le manette non sono il rimedio per combattere l' evasione. Aumentando le tasse che si incentiva l' evasore ,ma c'è pure da dire che nella maggior part…

STESI A TERRA IN STRADA, SFIDANO LE AUTO ,ECCO IL PLANKING CHALLENGE !

Forse i giovani non si rendono conto realmente del pericolo, una nuova moda è sbarcata in Italia prodotta dall' America con furore, si chiama "Planking Challenge " e sta nello sdraiarsi in mezzo di strada aspettando l' arrivo di qualche macchina, e allo stesso tempo schivandola all' ultimo secondo, girandosi su se stessi fino ad arrivare sul marciapiede o sui margini della strada. Tutto ripreso dai smartphone di amici e conoscenti per metterlo sulla rete attraverso i sociale network, come se si trattasse di una gara ad alto rischio e dove il vincente è quello che non si fa arrotare e investire dalle auto. Per il momento i casi registrati in Italia non ci sono state vittime, ma ci potrebbero esserci se questo gioco pericoloso prosegue, e se si sdraiano in prossimità delle curve e pure di notte , come nei rettilinei a velocità sostenuta, anche per avere del coraggio in più degli altri. Insomma il "pericolo " è  la sfida che i giovanissimi di oggi inducon…

IN ITALIA SI DIGERISCE TUTTO, PURE UN GOVERNO PESANTE COME QUELLO ATTUALE

Nell' abbuffata di riforme, leggi, tasse, menzogne ,burocrazia, che il comune cittadino giornalmente ha sulla propria tavola, da schifarne un po', però non rinuncia nel non mangiarle anche se dopo sta male e la pancia si è gonfiata. Sarà che ormai è così abituato alle sorti della politica, di un governo che in tutti  i modi la deve far pagare a tutti coloro che stanno zitti e si ingozzano di porcherie,  e dove di quella tavola apparecchiata dove le schifezze abbondano il consumatore non fa altro che assecondare il gioco che è in atto,consapevole che gli è rimasto solo l' ingozzarsi e subito dopo la pennichella per dimenticare tutto, o quasi. Ma un bel digestivo per la pesantezza allo stomaco é difficile trovarlo e magari una corsa all' aperto per smaltire i grassi in eccesso, ma non se ne fa nulla perché allora che la testa si metterebbe in moto ,e i pensieri verrebbero a galla e di quei tanti "perché " ci si riduca in quelle condizioni e se c'è un' …

VOTO A 16 ANNI , SAREBBE UN GROSSO REGALO PER I GIOVANI

Anche Giuseppe Conte è favorevole, dove finalmente si fa una cosa seria ogni tanto, far votare ai 16enni ,che di certo di politica non se ne intendono e non gli importa di approfondire, ma non sarà un buco nell' acqua e di una semplice stupidaggine ma all' occorrenza metteranno i giovani all' altezza degli adulti, e non ci saranno graduatorie e misure diverse da farli sembrare "mezze cartucce" e da tenerli in disparte. Avranno modo di essere più responsabili, di essere importanti e certamente lasceranno dietro di sé giochi violenti e incomprensioni sociali del quale sono abituati ,come.. " attaccabrighe, scalmanati, delinquenti" ,che si sentono ripetutamente dire da non potersi difendere.  Una nuova era si apre, e non è da poco! Considerando quei 16enni in balia della sorte che sembravano non fossero di nessuno, ne piccoli e ne grandi, una via di mezzo entusiasti di diventare maggiorenni al più presto, ma di non rimpiangere nell' essere minorenni r…

NON TOGLIETE IL CROCIFISSO NELLE SCUOLE

Sono ormai anni che si parla dei crocifissi nelle scuole, e come la religione oggi sia diventata pattumiera per il volere di molti, ma che fa male solamente sui giovani e di quella scuola disastrata e dove le chiacchiere sono tante, ma i fatti non vengano a galla. "Lo ammetto io non sono religioso, ma quando andavo a scuola nella parete bianca e davanti al mio banco c'erano sia la foto del Presidente della Repubblica  e sia il Crocifisso, due simboli che mi davano sicurezza nonostante allora la cosa era ben gradita da non farne un problema. Perché i miei genitori e i miei nonni erano cresciuti in questa prospettiva, una storia che si è tramandata in generazioni passate, una cultura e uno stile di vita dove si poteva essere più felici e guardare in avanti. Non mi dava noia e ribrezzo quel crocifisso e lo ho trasmesso pure sui miei figli, perché la cultura e le radici non si rinnegano mai ". È un bel pezzo di storia, e non vederla e far finta di niente alimenta soltanto i…

È IN ATTO UNA NUOVA CRISI E QUESTA VOLTA PIU' DURA DELLE PRECEDENTI

Lo svolgersi delle situazioni pericolose e drammatiche del mondo si abbatteranno come di consueto sull' Italia, un Donald Trump allo sbando che non interviene subito sulla Siria, dopo che Vladimir Putin ci ha messo solo una mano, e intanto L' Europa sembra che niente sia successo. Ma anche l' economia non va bene per il resto del mondo e le banche sono le prime ad accusarne i colpi, con salvataggi e ossigeno che non sempre può riuscire nell' intento desiderato , anche se  per l' economisti sembra tutto in regola ,ma lo sarà davvero? (No affatto!) Un America debole di ideali e di economia ,che impone i dazi per farsi bella, può fare la differenza soprattutto per L' Italia, ma anche per altri Paesi, e dove tutto è incerto e traballante da compromettere anche la nostra politica, e il Popolo ormai messo in disparte. Tutti focolai che se non spenti in tempo, divamperanno e non si salverà nessuno, come ideologie, pensieri, motivazioni sbagliate da non sapere chi le …