È IN ATTO UNA NUOVA CRISI E QUESTA VOLTA PIU' DURA DELLE PRECEDENTI

Lo svolgersi delle situazioni pericolose e drammatiche del mondo si abbatteranno come di consueto sull' Italia, un Donald Trump allo sbando che non interviene subito sulla Siria, dopo che Vladimir Putin ci ha messo solo una mano, e intanto L' Europa sembra che niente sia successo. Ma anche l' economia non va bene per il resto del mondo e le banche sono le prime ad accusarne i colpi, con salvataggi e ossigeno che non sempre può riuscire nell' intento desiderato , anche se  per l' economisti sembra tutto in regola ,ma lo sarà davvero? (No affatto!) Un America debole di ideali e di economia ,che impone i dazi per farsi bella, può fare la differenza soprattutto per L' Italia, ma anche per altri Paesi, e dove tutto è incerto e traballante da compromettere anche la nostra politica, e il Popolo ormai messo in disparte. Tutti focolai che se non spenti in tempo, divamperanno e non si salverà nessuno, come ideologie, pensieri, motivazioni sbagliate da non sapere chi le abbia partorite e il perché sia successo, da non essere proprio in una cappa protettiva. E in casa nostra le cose non vanno affatto bene, rinchiusi in un ideale d' Europa che ormai non esiste più, ma increduli si fa tutto per rianimarla e portarla alla ribalta, come nell' essere più schiavi di prima e farci star male e sorridendo per questo. Viviamo costantemente alla ricerca di farsi del male l' uno con l' altro, di identificarci, di prendere una posizione scomoda ma che ci da più potere e più luci sul podio che dobbiamo salire, e quel costo di essere odiati e vezzeggiati e derisi fa cornice e tutto è ok, soprattutto quando la politica e i pezzi grossi di esibiscono . La crisi può nascere pure per ambizioni troppo forti, arroganti, a tavolino con una cerchia troppo  ristretta, e non sto esagerando nel dire che lasciare troppo potere ad una mente sola è la catastrofe in definitiva, e che andrebbe rivisto pure questo per farla breve. La crisi insomma è vicina, più vicina di quanto si creda, e colpirà duro nonostante si faccia gli scongiuri e non ci si voglia pensare,d'altronde le scelte per combatterla sono insufficienti se ognuno pensa per i propri interessi e non li importa di star male,  e sia i giornali e i blogger che stiano dicendo delle menzogne per attirare l' attenzione su di loro per accaparrarsi qualche lettore in più ,e in molti lo pensano, e sbagliano nel pensarlo! Come sbagliano
sui fatti che giornalmente li circondano ,fatti drammatici e per niente da stare allegri e dove molte riflessioni sono spontanee averle per andare avanti nella vita. Forse la "crisi" sorge proprio per non pensare alla "crisi" e che tutto andrà per il verso giusto, quel grido "tirare a campare finché si può, e finché il fiato lo permette " . Ma forse non si fa i conti che senza fiato, e con l' età avanzata si veda un' altro mondo e quello spirito battagliero svanisce.Tutto il mondo è  in subbuglio, e non per via di guerre, terrorismo, ma di incertezze e dove non si sa più qual'è il bene e il male, perché è tutt'uno da scambiarlo per altri fattori che non c'entrano nulla, rincorrendo spesso l' ignoto di un dietro le quinte sempre più misterioso ,e dove l'economia mondiale ne è protagonista. È sempre più dura dare un'immagine sul Mondo e il suo cambiamento repentino, dove le sorti possono cambiare drasticamente da un minuto all' altro, ma che fanno parte integrante sui nostri bisogni, sogni, aspirazioni, da condizionare la nostra vita più di ogni altra cosa.

Commenti