FIORAMONTI E LE SUE PILLOLE DI SAGGEZZA , MA LA RISATA VIEN SPONTANEA !

Bisogna essere saggi, aver studiato molto, e vissuto parecchio e di un Lorenzo Fioramonti (ministro dell' istruzione italiana) che aprendo bocca sputa solo fesserie, come di tassare le merendine e i voli aerei, per finire con l' ultima trovata "togliere i crocifissi dalle scuole". Quale sarà la sua prossima mossa da essere chiacchierato e un po' deriso, senz'altro non dormirà la notte per pensare all' indomani che cosa dire ed essere sotto i riflettori ancora una volta con le idee strampalate che possiede. È  il suo modo di fare! Scordandosi che è un ministro e non un comune cittadino, che senza dubbio i problemi della scuola non si risolvono in questa maniera. Già cosa avrà ancora in riservo, e cosa gli passerà per l' anticamera del cervello per farsi odiare a tal punto che le scuse sole non basteranno, e ci vorranno altre motivazioni. #FieramontiDimettiti è lo slogan e il messaggio del Giornale, ma anche come il Fatto Quotidiano di Travaglio lo difenda agli attacchi che dal web si sono alzati e il polverone si è acceso all' istante, (d'altronde Travaglio difende Fioramonti essendo Grillino e non poteva essere diversamente). C'è da chiedersi se Fioramonti sia ideale per il compito che ha davanti a sé, se è nato politicante oppure finge di esserlo per quella poltrona comoda che gli sta a pennello e non vuole mollarla costi quel che costi. Ricopre un' incarico importante di prestigio, e la scuola bisognosa nell'essere rinnovata, di una crescita sia di istruzione e sia di formazione sia in campo sociale e lavorativo ,e che porti gli alunni e studenti nell' affrontare il mondo che gli circondi, sarebbe più giusto per Fioramonti interessarsi di questo, come di scuole vecchie e che cadono a pezzi. Indubbiamente che si è perso il filo della matassa e bisogna ritrovarlo al più presto o saranno guai seri.                                                                                                  

Commenti