Passa ai contenuti principali

GLI ITALIANI NON LEGGONO MA SCRIVONO COSI' TANTO CHE NON HANNO IL TEMPO DI LEGGERE QUELLO DEGLI ALTRI !

Si proprio così :"Non si legge più perché scriviamo così tanto che ci manca il tempo di leggere quello che scrivano gli altri! " Siamo quasi al paradosso e all' inverosimile, i libri vengono sfornati quotidianamente come un panificio che sforna ripetutamente giornalmente il pane per la città e lo distribuisce, così sono le case editrici che sono innumerevoli e fanno la loro ricchezza. Sfatiamo il mito di chi non legge per mancanza di tempo perché indaffarato sul lavoro e sulla famiglia.. sono cose fuori del tempo e dove i sondaggi sbagliano sempre.  Probabilmente nessuno dirà mai di non leggere perché è intento nello scrivere un libro e per questo non ha tempo di leggere quello degli altri e poi per non farsi influenzare e condizionare dagli altri racconti che potrebbero influire la buona riuscita del libro, fino a copiarlo ed essere simile. Siamo un popolo di scrittori ma "no"di lettori, sia alle prime armi in cerca dell' editore giusto che lo possa mettere in commercio, sia quello ormai conosciuto che diventa un lavoro e l' editore è ben contento che sia così in modo che pure lui ci possa guadagnare, e dove le vendite sono assicurate. Siamo dei pensatori e lo scriviamo in modo che quel "libro nel cassetto "sia orgoglio di chi lo scrive e di chi lo leggerà in seguito e magari i figli potranno capire molte cose dei genitori che prima non avevano capito. Perché in una società di incertezze, di ingiustizie, di soprusi risulta necessario scrivere quello che si pensa, magari non andando a protestare in comune o nelle piazze e fare barricate, ma scrivere in qualche modo ci allieva dal dolore e dopotutto uno scritto rimane per sempre, una protesta  finisce quasi subito e non si ricorda più nulla dopo. Venti anni fa'  quanto inchiostro si è consumato per dare sfogo ai nostri pensieri.. oggi con internet risulta tutto più semplice, e dello scrivere diventa quasi un gioco, tutto all' opposto del leggere che risulta tutto illusorio e più delle volte non si capisce perché leggiamo andando contro le nostre volontà. Ma indubbiamente capiamo solo le nostre opinioni, i nostri sentimenti, le nostre felicità, escludendo tutto quanto rispecchi gli altri da non farne parte; leggendo i libri degli altri si diventa di legno e essendo di legno tutto ha un suono non umano cercando di sorvolare per riprendere le somiglianze che più ci appartengono. Non accorgendosi che non leggere non si può avvicinarsi agli altri, ma in fin dei conti che cosa importa per chi non ha mai aperto un libro in vita sua ,ma in compenso ha scritto tanto e vorrebbe che gli altri lo leggessero!

Commenti

POST PIU' VISUALIZZATI

IL PRIMATO DELLA CORRUZIONE

Se prima con Tangentopoli i politici erano dei grandi e andavano su grandi cifre , oggi sono solo piccoletti e le cifre si sono ridotte (ma sono pure aumentati rispetto al passato) ,ma sempre di tangenti si parla e sempre più fuori controllo e difficile nell'acchiapparli ... anche dal fatto che bisogna aspettare le sentenze definitive (come se fosse un obbligo per i partiti) , e quando sono arrivate non si fa niente e i vari partiti si difendono a vicenda per non far andare in prigione il collega e l'artefice della vicenda scandalosa. Insomma si può dire che sono in una botte di ferro, in una cappa di solidarietà che il presunto corruttore la fa sempre franca e nel continuare la sua opera che ci fa più male . Le tangenti sono un fattore decisivo per non far crescere l'Italia ,ma anche una sorta di sfregio nell' elettore che va nel votare per quel partito , per quella cosa che sente dentro all'anima e ci crede..( e non si può rimproverare) .Ma pure che la faccenda …

TUTTI DICONO DI VOLER FARE CRESCERE L'ITALIA , MA IL DIFFICILE È COME POTERLO FARE !

È un coro unito tra la politica ,e questo governo attuale di voler fare crescere l'Italia , ma il bello è che sbagliano e quella loro "formuletta magica e le loro idee non porteranno in nessuna parte". Se con il reddito di cittadinanza pensano di aver fatto il botto , e dove il M5S esulta e ne fa il trionfo , allora possiamo dire che siamo messi proprio male e non ci può essere crescita indubbiamente. La crescita viene da una politica più attenta sul lavoro , meno tasse , e meno burocrazia ,e allora che potremo dire di essere in una botte di ferro e vivere felici e contenti come nelle fiabe. Ma indubbiamente per i politicanti non interessa se non c'è il lavoro sufficiente , che le imprese e negozi chiudano per sempre, che le famiglie si trovano sempre più in difficoltà e di come sbarcare il lunario . Si inceppano , e il loro è un chiodo fisso nel dare briciole e irrisorie felicità hai cittadini ,che stupidi non sono e giudicheranno alle urne. Come dire : "se la…

QUEI "VIP" CHE SONO INFLUENTI QUANTO I GIORNALI .

È dalla televisione che da sempre sforna i "VIP", chi più taciturni e chi più chiacchierati ,ma sempre quello spirito battagliero e notorietà che sempre gli distingue e che sono diventati per tanti idoli, e speranza nell'andare avanti
Competere con loro risulta fantascientifico in quanto tra i soldi e il potere e nonché la notorietà sono viscidi e difficile nell'acchiapparli , (ma anche se non si preferisce tutto questo) la loro parola conta e tutti ne ascoltano come se fossero rimbambiti e allucinati dalla loro bravura. Purtroppo vedo in questo un senso di nausea se loro sono tutto e Noi poveri Diavoli nessuno , e se anche non sappiamo recitare, presentare ed essere continuamente sotto i riflettori e telecamere ..non toglie nulla che non sappiamo destreggiarsi nella vita nei migliori dei modi. Perché la vita non è un palcoscenico alzato in quell'occasione per girare un film o un documentario, ma molto di più serio e complicato di quanto loro possono credere. Un…

I GIOVANI ASPETTANO CHE UN'ALTRA POLTRONA SI LIBERI "QUESTO PUÒ ESSERE IL CAMBIAMENTO !"

Non è che i giovani stanno in panciolle , senza non fare niente in una comodissima poltrona e magari nel discutere del vicino di casa o dello sport , oppure dell'attore e VIP del  momento. Aspettano solo che qualche poltrona si liberi occupata da un anziano che non vuole andare in pensione , se pure quella pensione d'oro può campare per il resto della propria vita senza fare più niente , ma non molla e come legato se la tiene ancora per se quella poltrona anche se barcolla e gli tremano le mani. La parolina d'ordine che  tutti ci aspettavamo è :" che i giovani vengono avanti che gli diamo il posto !" .Ma non è così e quelle parole svolazzano di qua' e di là senza una meta e senza fermarsi e poi sparire nell'oscurità. Sia in politica , sia nelle amministrazioni pubbliche o private l'anzianità non la si leva e dove trionfa più che mai .Anche per questo essendo un paese di vecchi , vogliono imporre il loro dominio e rimanere a galla fino alla morte , imp…

IL LATO OSCURO DI MATTEO SALVINI

Se L'Espresso indaga e spulcia i difetti e gli affari poco chiari che sono intorno su Matteo Salvini  ,nonostante tutto i fedelissimi lo proteggono come se fosse un Santo. 
C'È da chiedersi quali sono i lati oscuri di questo personaggio , e gli scheletri rinchiusi nell'armadio per domandarci che ministro ci rappresenti. Matteo Salvini per tanti un razzista, e di quel suo modo di fare che lascia perplessi ,ma è sempre un politico nato e si sa destreggiare in qualsiasi momento , proprio questo "destreggiarsi" che ci fa maggiormente paura . Ma come è risaputa ha ben le spalle coperte sia dal suo maestro Bossi e sia dai simpatizzanti , e le ruberie e gli affari poco chiari e loschi vengono subito azzittiti , ma è pure che la Lega non è da ora che se ne parla per gli affari poco chiari ;e poi non succede niente!. Insomma prima è toccato ad Umberto Bossi ,poi Matteo Salvini ,un vizzio nella casa della Lega che non vuole cessare , ed un'infinità di chiacchiere e d…

LA VITA FRENETICA FA DIMENTICARE COSA REALMENTE SUCCEDE NELLE NOSTRE CITTA'

Nell' andare a lavoro, per gli appuntamenti, per svago, dove ogni minuto risulta prezioso da quanto siamo abituati in quel movimento febbrile, accelerato sia per strada di una qualsiasi via, e in autostrada nel paesaggio urbano che  non constatiamo che  cosa realmente succede nella nostra città di appartenenza. In corsa costante per arrivare in tempo sul posto di lavoro, per un appuntamento già fissato in precedenza, nel portare i figli alla scuola, in una semplice vacanza di un week end o di più ora che iniziano le buone stagioni, ma sempre quella bramosia di fare presto che nella maggior parte ci si distingue. Facendo tutto questo siamo all' oscuro di come si comporta la città e dei vari problemi che ne derivano ,sia nella criminalità, sia nello sviluppo, e sia un evento speciale..( tanto lo leggiamo sui giornali!) sembra il motto di chi guarda sempre in avanti e mai indietro, come se quella città non gli appartenesse perché ha più cose urgenti per il momento. È  forse vero…

IO SONO MATTEO SALVINI E NON MI FERMERA' NESSUNO...

Matteo Salvini contestato, odiato, e con ripetuti litigi con Luigi Di Maio e Conte, ma sempre sulla cresta dell'onda, e lo dimostra il fatto che il suo libro "Io sono Matteo Salvini " é  in testa alle classifiche , e questo dimostra che  le persone dopo tutto lo seguono e lo apprezzano più di quanto non si creda. Un consenso così numeroso che  senz'altro gli darà forza nell' andare avanti con più decisione, e chi lo fermerà?   Ma certamente nessuno se da un libro lo si fa diventare un eroe del nostro tempo, un' icona da potersi aggrappare quando lo si vuole, amato e odiato ma sempre in prima pagina e nei cuori di tanti. È uno dei pochi che coglie l' attimo in quel preciso momento e ne trae i benefici ,sa sfruttare l' occasione di intervenire nel dire la sua, e all' occorrenza fa un passo indietro se quella cosa detta risulta troppo incandescente, è un politico nato non ce lo scordiamo!. Ma sempre quel far parlare di se che sale sempre un gradino …