QUELLO CHE NON SAPPIAMO, E SE LO SAPPIAMO RISULTA MANIPOLATO E DISTORTO

È come dire :" Dalla padella alla brace " Quel potere del sapere che più delle volte (o quasi sempre) che ci distoglie dalla realtà, sappiamo ma all' occorrenza risulta manipolato e distorto a tal punto che ci convinciamo nell' essere reale andando su quella strada convinti di fare una cosa giusta. Ma lo è davvero?  .Assolutamente no!  C'è pure da dire che nella maggior parte non sappiamo niente, ci viene imposto il divieto di entrata, di conoscere la realtà, e di quelle cose che non si sanno che inizia il potere forte e dove l' informazione ne è una riprova, come dire :"meglio tacere non far trapelare in giro per l' interesse di chi fa i giochetti sporchi e poco chiari " di un dietro le quinte misterioso e top secret per il pubblico. La guerra non si vince con le armi, coi soldati, e quant' altro indispensabile per la vittoria ,ma con l' informazione sia sui giornali, in televisione, sul web e dove internet risulta un'arma micidiale da farci sapere il minimo indispensabile, oppure niente,  manipolati da grandi aziende e da grandi superpotenze che hanno il compito di controllare le nostre menti, fino ad un lavaggio del cervello in pieno stile. È inutile scervellarsi sui libri, dove sempre una nube impenetrabile non ci consentirà di vedere al meglio il passato, il presente, e perfino il futuro anche perché lo decideranno loro (quei poteri forti che ci controllano) . Perché da un mondo dove siamo tutti schedati, numerati, e dallo smartphone che ci rintracciano meglio, non possiamo stare tranquilli ,ma ci sono anche i social network, Google, Facebook che spingono su questa direzione e dove ormai si sa tutto di tutti ricavandone molteplici interessi (che per Noi sono estranei). Diciamoci la verità siamo così vulnerabili, indifesi su questa tecnologia, ma allo stesso tempo entusiasti di farne parte e non potremo farne senza (è proprio da questo che i poteri forti fanno il loro emblema da studiarci e farci sapere quello che vogliono, tanto sanno già che tipo di persone siano e dove vogliamo andare).  Ma la domanda viene spontanea ed è questa qui:"fino a quando durerà questa storia? " Per dirla meglio e rispondere alla domanda "Durerà e come se durerà hanno trovato un modo per controllarci, e dirigere le nostre menti al loro volere, che vogliano di più! ". Naturalmente loro si giustificheranno nel dire che non c'entrano nulla su questo fattaccio, ma ormai sappiamo come si muovono nei nostri confronti, anche perché gli abbiamo dato troppa libertà e forza ed ora il comando è passato a loro , anche se il comando Noi non lo abbiamo mai avuto anche nel passato, ma oggi risultiamo più deboli e indifesi alla comparsa delle nuove tecnologie e nel voler comunicare al mondo le nostre idee e sentimenti del momento. Ma che tristezza sapere che ci danno in pasto quello che vogliono, facendo del buono e del cattivo tempo solo per le loro esigenze finanziarie, personali, fonte di ancor più potere, e dove noialtri a cuccia dobbiamo soccombere nel tentativo di non farci ancora più male di quanto l' abbiamo fatto fino adesso. Ma siamo veramente liberi?
I nostri figli, le generazioni che verranno su avranno da combattere molto su questo aspetto, per non essere inghiottiti dallo strapotere, da un' informazione a singhiozzo o nulla, per non diventare manipolati a loro volta da un mondo irraggiungibile e privo di ogni valore, nel iniziare dall' informazione come veritiera e senza trabocchetti. Perché tutto è frutto e passa sul sapere ,per vivere meglio e stare meglio con se stessi, il divieto di tutto questo può portare alla catastrofe e alla comparsa di una situazione insostenibile per chi non ama la menzogna e di essere condizionato da farlo diventare un burattino.

Commenti