CRISI DI GOVERNO, PROSEGUONO LE CONSULTAZIONI DI MATTARELLA

Quirinale, davanti alla porta chiusa del Presidente Mattarella,le consultazioni proseguono,  le sorti del Paese sono in mano sua ma pure dei partiti. Tempi brevi per risolvere questa crisi di governo, probabilmente lunedì si saprà chi deve governare, e le incertezze si sviluppano notevolmente da farne un'ossessione se c' è di mezzo inciuci, e tutto per accaparrarsi una poltrona, e disfare tutto quello programmato. La politica combattiva sempre di più per non morire, dove si spinge all' inverosimile pur di essere sotto i riflettori, guardiamo il caso di Prodi, di Renzi e perfino la Bindi, che dalla politica sembravano che avessero chiuso e invece oggi si risvegliano e si mettono nuovamente in gioco. Con esattezza se andasse in porto l' alleanza con PD, e i Renziani e il M5s e altri, l' ammucchiata sarebbe perfetta per formare un' altro governicchio da quattro soldi, con la certezza di riaprire nuovamente i porti, di fare dell' immigrazione il piatto forte, di non fare la riforma della giustizia e neppure di abbassare le tasse, e cancellare il programma di Salvini per farli dispetto e mandarlo a casa con niente in mano. Perché non sarei tanto sicuro che il governo che nascerà sarà il governo del fare, e di riportare l' Italia alla ribalta, ma tutto il contrario e dove saremo al punto di partenza. Ma Mattarella avrà valutato tutto questo, persona ragionevole e seria e della quale lavora nel rispetto dei cittadini. "Andare al voto, si farebbe un favore per Salvini ,e dove crescerà ancora di più di consensi e popolarità " Non abbiamo tante vie d' uscita, con le forze politiche attuali, e della situazione di una crisi incandescente e dei suoi sviluppi, ma però un po' di speranza la dobbiamo avere e ricucire gli sbagli che ci sono stati fino adesso, incominciando da una crisi di governo più pazza del mondo, e i continui litigi e incomprensioni fra Salvini e Di Maio che hanno dato il via alla caduta del governo Conte. Il voler un governo del fare e serio ,infine duraturo sembra la priorità,  e Mattarella è chiamato in causa, dove la palla è passata su di Lui ,decidendo le sorti del Paese.

Commenti