RISCHIAMO DI ESSERE SCHIAVI DELL' EUROPA ,DALLA POLITICA AL CITTADINO

Rischiamo d' avvero di essere schiavi dell' Europa , perché gli ingranaggi infernali che sono sempre in movimento non fanno gli interessi del nostro Paese, ma anzi ogni loro pretesa, ordine, è una mazzata per tutti gli Italiani e non solo. Che sia l' Europa nel comandarci , e che i conti pubblici tornino alla lettera senza sgarrare di un centesimo, una virgola, è sotto gli occhi di tutti e lo dimostra il fatto che "il debito pubblico" è troppo alto e bisogna correre ai ripari  dandoci l' istruzione per l' uso e obbligandoci nel rispettare i patti, oppure rischio penalizzazione e quel richiamo che non promette niente di buono. Chi non avesse ancora capito è l' Europa nel dettare legge e guai nel sottovalutarla e prendersi un po' troppa confidenza con essa, perché si rischia grosso! Pure la politica se fa la voce grossa e picchia i pugni sul tavolo, in fin dei conti cede sul mostro che è l' Europa, consapevole di combattere una battaglia persa già prima di iniziarla, anche perché dal comando dell' Europa sceglie chi deve andare al governo, (il potere forte non possiede limiti)  tutti gli ingranaggi che girano per i loro stessi interessi ,ma mai per i Nostri interessi. Non c'è verso di cambiare mentalità all' Europa, di farla addolcire, essere meno prepotente, raggruppati in tanti Stati che ognuno tira l'acqua al suo mulino e dove i soldi contano più della popolazione, i bisogni, i sogni, le ambizioni, infrante da una mamma spietata per il solo scopo di esserci e di rappresentare la potenza in assoluto. Perché  non abbandoniamo l' Europa al loro peggiore destino, escludendola una volta per tutte e nel rifarci una vita degna cammineremo a testa alta, che cosa abbiamo paura? Rimboccarsi le maniche e ricominciare da zero, si può e basta il coraggio di volerlo e di desiderarlo più di un' altra cosa, e senz'altro non staremo peggio di ora! Ma almeno saremo liberi e mai più i compiti a casa, penalizzazioni, declassamenti,ingiustizie ,inflazioni che portano al Paese nell' essere schiavi e manipolati dagli alti comandi dell' Europa mettendoci i bastoni fra le ruote.  L'Europa fin dagli inizi era nata male, ma si pensava che col passare del tempo si poteva migliorare , e facendo tesoro dei propri sbagli che si aspettava molti cambiamenti in vista, sempre allo scopo di rinnovarsi e di essere orgogliosi di esserci dentro all' Euro,  ma non lo è stato e semmai le cose sono peggiorate, e in alcuni casi è rimasto come al punto di partenza da far riflettere molto! L' euro é solo per pochi, (quei pochi che hanno tutti diritti che ci sia, e che dalla moneta unica diventano sempre più potenti, e hanno accumulato un bel gruzzoletto di soldi ) rendendoci sempre di più nella prospettiva che L' Europa in questa maniera non può andare più  avanti , cambiare oppure chiudere le porte all' Europa che non sarebbe una cattiva idea nell'attuarla dal rompicapo che ci crea.

Commenti