EPPURE CI MANCA QUALCOSA NELLA NOSTRA VITA !


                                 
Non vorrei fare l'uccello del malaugurio ma nella nostra vita ci manca qualcosa di essenziale come la serenità,la tranquillità, e per finire la FELICITÀ dove si sviluppa tutto . Ma la domanda che viene spontanea è questa :"ma siamo realmente felici e come si fa nell'ottenerla ?" Eppure non ci sono regole ben precise e non diamo retta su colui che ci vuole insegnare la vita e sorridere sempre lasciando i problemi nel cassetto , dimostrando superficialità e inresponsabilita' di chi vuole fare scuola. Ognuno la deve trovare da sé quella propria felicità e armonia per percorrere la vita , ma dobbiamo pure precisare che non è più come 30 anni fa ,oggi con mille problemi che corrono risulta sempre più difficile cavalcare la felicità , e niente ci fa sorridere in questo pazzo mondo. Con esattezza non abbiamo più tempo nel dedicare su noi stessi la cura del nostro corpo e dell'anima ,incazzati sempre con lo stress quotidiano ,di un lavoro che più stressante è diventato insopportabile per chi ha perso lavoro e lo deve nuovamente ritrovare non essendo più giovane; tutti fattori che incidono ad non essere soddisfatti della vita ricorrendo spesso a "quel male che è l'infelicità'" . Ormai la parola d'ordine è che :"va tutto bene"se domandate a qualcuno com'è la propria vita e se procede nel verso giusto , come per non spifferarlo ha tutti e dare così l'impressione sbagliata per non creare equivoci . Insomma si patisce in silenzio ,in attesa che la felicità prima o poi arrivi e lasciare indietro le piccole disavventure ,crea solo imbarazzo per chi le sente e non sa cosa sia la felicità . Voler essere felici ma non si è trovato la strada giusta per potersi infilare dentro , rende irrequieti e agli occhi degli altri ancora di più e allora che sorgono i veri problemi. Se potessimo misurare la nostra felicità , come si misura la febbre col termometro avremo un'opportunità in più per renderci conto di non stare bene , e che ci manca qualcosa ,quel qualcosa che indubbiamente andrà curato ,come si cura la febbre o il mal di testa per farci stare bene..Ma se tutto questo non lo si potrà fare oggi ,un domani futuro senz'altro sì , perché la felicità è il motore che ci fa andare , e pure i governi del mondo lo hanno capito dove ormai studiano le mosse da fare . Avere un conto in banca da capogiro,(anche  se non si sa come sia avvenuto, e dei raggiri che si sono fatti) stare col smartphone ore da sembrare uomini degli affari e non lo sono affatto , una bella auto da sfoggiare come se fosse un primato ,una casa con servitù in bella mostra da apparire per quella che non è ,sono alcuni casi del quale si vuole dimostrare di aver preso la felicità prima degli altri , ma sarà vero? La sfida di chi ha il primato e chi no è aperta ,ma sempre si gela inganni e raggiri per dimostrare la stupidità del genere umano e non pensare al prossimo ; perché è più importante "apparire' essere "i primi in tutto per tutto" e nel loro passaggio lasciano terra bruciata e non saranno mai felici al massimo. Forse in questo percorso vorranno capire com'è la vera felicità non acchiappandola mai per il semplice motivo che è forzata , e avranno sempre qualcosa in sospeso con la vera felicità autentica e pura. Fingere ed essere arrivati non dimostra infatti la superiorità degli altri ma semmai una debolezza. Prima si poteva dire:"quello è ricco ha la felicità e il potere" Oggi anche se uno ha i soldi e il potere gli manca la cosa più importante ed è quella della felicità persa col passare del tempo per arroganza e sviluppo tecnologico. Non tutti saranno d'accordo con questa affermazione , ma una cosa è scontata :" anche i ricchi piangono ,non l'avevano fatto da molto tempo ed è ora che le carte si rigirano a favore di chi è sempre stato onesto e consapevole ". Il mio pensiero va pure sui nostri figli e nipoti (se uno le ha..) che insegnamento gli diamo se Noi stessi non abbiamo scoperto l'elisir della felicità ,indubbiamente gli lasciamo allo scoperto in balia delle sorti (in questo caso devono farcela da soli e contare sulla fortuna) una prospettiva imbarazzante da lasciarli coi tempi che corrono , anche perché non l'abbiamo trovata Noi e la devono trovare i nostri figli e nipoti ! Ovvio che si trovino in difficoltà e tutte le conseguenze del caso che seguiranno ,da non lasciare dubbi che verranno su male e pure loro gli mancherà qualcosa nella vita. Fingere di essere felici o almeno una minima parte non appaga la propria vita , poi vorrò sapere chi è veramente felice al 100%  e che dietro non ci sia una bugia bella e buona, e almeno una cosa buona c'è : "la felicità non la si compra com'è pure la vita !"

Commenti

POST PIU' VISUALIZZATI