QUELLA NOSTRA FRAGILITA' DOPO LA PANDEMIA (ALMENO 5 ANNI PER RIMETTERSI IN SESTO)

 Siamo oggi così indaffarati a debellare la pandemia del secolo che ancora non abbiamo pensato di come poter fare dopo senza la pandemia  e delle sorti che ne seguiranno dagli strascichi di un Covid-19 morto e sepolto  !                                                                                       Eppure anche se siamo alle prese con vaccini indispensabili per sconfiggere il virus , se con errori madornali di somministrazione e pure di non essersi approvvigionati  a sufficienza.. c'è un lato del quale non abbiamo ancora deciso  : come rimettere in sesto l' Italia e riportarla alla normalità dopo che tutto si è disfatto , ed è stato un caos totale sulle restrizioni e coprifuochi   , prima o poi tutto questo lo dobbiamo portare in risalto e mettere in evidenza che qualcosa non ha funzionato  , (quel malfunzionamento che si ripercuote oggi e lo sarà per molto ancora  soprattutto sui cittadini e della loro vita)  . Sia i giornali e il governo silente evitano che tutto questo non faccia notizia,  clamore  , disperazione sui cittadini  , ma pure per  evitare una guerriglia urbana , sapendo che la popolazione non sopporterebbe un' ulteriore morsa di ristrettezze e privazioni dopo quello che hanno passato con la pandemia.   Ma siamo solamente noi cittadini ridotti ad altre sofferenze anche se il virus ci può aver abbandonati  ? E se è  così ancora...per quanto possiamo andare avanti stringendo i denti e stringendo pure  lo stomaco  ?  Non è questione di tempo  , ma è  dagli sbagli degli altri se vogliono metterci ancora i bastoni tra le gambe e nel patire le pene dell'inferno i prossimi anni saranno segnati dal dolore e di una vista che non ci appartiene  , e non ci apparterrà mai !. Non è esagerato dire che ci vorranno almeno cinque anni per rimettersi in sesto , dopo che abbiamo perso del prestigio, l' orgoglio, e del denaro  ,in più di un' anno senza lavoro e privati della libertà indispensabile per vivere una vita degna di viverla. Forse se i cittadini hanno avuto le loro perdite economiche e psicologicamente sono più stressati  , figuriamoci lo Stato e il governo attuale come sono ridotti  ! Non ci sono state più tasse da riscuotere e le casse dello Stato sono in rosso,  un governo incapace di arginare la pandemia e di assicurare milioni di vaccini per salvaguardare la popolazione,  la crisi di nervi in questo si è fatta sentire ed è per questo che è entrato in scena Mario Draghi  e il povero Giuseppe Conte se ne andato tra la coda tra le gambe   ! Anche per questo il governo è sempre stato  più debole del previsto , e un governo debole fa ancora più debole la popolazione anche  che sia comparso per magia Draghi. Come non vedere le saracinesche  di aziende chiuse per covid, mentre tante altre sigillate e fallite  ,strade deserte, intere famiglie sempre coi frigoriferi mezzi vuoti e tavole senza apparecchiature dove si risparmia pure sul cibo.  È un' Italia da recessione  ! Anche se non lo si vuole ammetterlo e lo sarà sempre di più nel corso degli anni finché aprendo gli occhi lo grideremo  , si sà ,ci si muove sempre dopo il disastro  ,è classica all' italiana. La crisi pandemica sarà solo una piccola pagliuzza a confronto della montagna di una crisi economica che non avrà eguali . 

Commenti

Post popolari in questo blog

NO - VAX , GENTE DEI " SENZA VACCINO "

CI VUOLE UN BEL CORAGGIO NEL DIRE : " STRANIERI VENITE IN ITALIA "

TROPPA SCIENZA CI PORTERA' ALLA ROVINA

ABBIAMO SCONFITTO L' EUROPA TRAMITE UNA PARTITA DI CALCIO

RITORNIAMO A FARE AFFIDAMENTO SUL LAVORO PER SCONGIURARE MOLTI PERICOLI

IL GIOCO DEL COPRIFUOCO PER MESI LO SI E' ACCONSENTITO , OGGI CI SIAMO RICREDUTI E LO CONDANNIAMO !

LA MORTE ARRIVA ANCHE IN FUNIVIA