DIETRO AL MADE IN ITALY QUANTI DISGUIDI CI POSSONO ESSERE !


 Semplice dire Made in Italy se in realtà bello il marchio ma non scervellarsi più di tanto per approfondire  è  un male , come dire : " so che questo prodotto viene fabbricato in Italia e da lustro all' immagine del Paese  , ma tutto il resto non mi riguarda  !" L' Italia è un Paese stupendo dalle mille risorse e se consideriamo solo questo siamo davvero al traguardo  , solo il prestigio di aziende agricole  , di prodotti e beni di consumo di aziende famigliari dove l' arte e il folclore ne fanno parte , per rendersi conto di una storia secolare che fa felici i nostri cuori dopo gli affari  .  Ma il Made in Italy  non si deve solo fermarsi e stazionare solo sul nostro bel Paese , invece deve imporsi con forza sul mondo finché sia un marchio non più contraffatto e copiato  , ma tutelato in tutti i sensi e il governo per questo si deve rimboccare le maniche una volta per tutte.  Non per vantarci ma l' Italia con la sua cucina e i prodotti tipici  delle varie regioni deve essere unica nel suo genere  , dobbiamo esportare e far presente al mondo che siamo ricchi di idee , di progetti e infine di essere un popolo degno di far felici pure gli altri , che invece far felici solamente noi stessi.  Non soffermiamoci solo all' immagine ma andiamo più in là delle nostre prospettive e solo così potremo essere sicuri di non sbagliare , ma poi il problema del Covid-19 potrà essere un fattore decisivo per continuare a migliorare sempre di più e scrollarci i problemi accumulati in passato , non ci deve fermare. Il made in Italy  deve essere una sorta di biglietto da visita e mostrarlo agli altri come un segno di forza ,di continuità , non scordando infine la storia di una popolazione modello e non si esagera nel dire che si deve guardare tutto questo con rispetto  , molte volte l' Unione Europea ha infangato l' Italia  e continua a farlo per i propri interessi e tornaconti , dove non si sa bene il perché ci sia una sempre  guerriglia nei nostri confronti . Eppure l' Italia è un punto di forza per l' Europa , ma sempre più ci si scorda di questo ,che delusione avere un marchio di prestigio , ma che nella realtà diventa una sorta di incubo se non viene presentato bene e per giunta deriso da quell' Europa che conta  , dove conta sempre di più l'arroganza e il potere di uomini di Bruxelles , che di bellezze e di prodotti agricoli non ci capiscono niente e danno sentenze senza senso e impongono leggi che non capiamo.  Molteplici sono gli interrogativi che ruotano intorno al marchio "Made in Italy " e se non li risolviamo al più presto , non ci sarà un vero trionfo per l' Italia e intanto come sempre saremo un fanalino di coda rispetto agli altri Paesi esteri  , vogliamo questo  ? . Per non farsi comandare da Made in China che dobbiamo ribellarci e proporre altre strategie , che consentito di non essere schiavi  e indubbiamente l' Europa in questo dovrebbe bastare perché faccia tutto il possibile che non succeda una cosa del genere. Abbiamo tanto ancora da fare perché il  Made in Italy non venga scordato  , e scordandosi di questo ci scordiamo pure di intere aziende e famiglie che abbandonate a se stesse moriranno in tempi rapidi , perché non potranno imporsi all' estero come essi desiderano  , (  il fiore all'occhiello per continuare a vivere e guadagnare)  e in questa globalizzazione che non si può più  traccheggiare , è questo il vero problema del secolo  !

Commenti

Post popolari in questo blog

NO - VAX , GENTE DEI " SENZA VACCINO "

CI VUOLE UN BEL CORAGGIO NEL DIRE : " STRANIERI VENITE IN ITALIA "

IL GIOCO DEL COPRIFUOCO PER MESI LO SI E' ACCONSENTITO , OGGI CI SIAMO RICREDUTI E LO CONDANNIAMO !

DI NUOVO MICHELE SANTORO IN SCENA !

GLI AZZURRI SI ESIBISCONO E VINCONO , LA POLITICA DEVE SOLO IMPARARE

TROPPA SCIENZA CI PORTERA' ALLA ROVINA